marchio d'area

marchio area

 

Il "Brunelleschi" partecipa al lancio del Marchio d'Area "Agrigento, Terra di Storia, Natura ed Enogastronomia"

 

Martedì 3 febbraio 2015, una delegazione di studenti dell'Indirizzo "Agraria, Agroalimentare, Agroindustria" dell’I.I.S.S. “M. Foderà", Settore Tecnologico "F. Brunelleschi", accompagnata dalla Prof.ssa Elisabetta Palermo, ha partecipato alla manifestazione di lancio del Marchio d'Area "Agrigento, Terra di Storia, Natura ed Enogastronomia", un importante progetto della Provincia Regionale di Agrigento, oggi Libero Consorzio Comunale, finanziato dal PO FESR 2007/2013 e destinato ai prodotti turistici basati sulla valorizzazione dell'ambiente e delle sue peculiarità.

Alla manifestazione sono intervenuti, tra gli altri, il Prefetto, Nicola Diomede, il Vicepresidente della Regione Siciliana, Mariella Lo Bello, il Commissario Straordinario al Comune di Agrigento, Luciana Giammanco, la Soprintendente ai Beni Culturali e Ambientali, Caterina Greco, ed il vice presidente della Camera di Commercio, Alessio Lattuca, nonché vari sindaci dei comuni agrigentini ed i rappresentanti dei distretti turistici.marchio area (1)

Si è trattato di un momento di riflessione sul turismo, risorsa in grado di risollevare l'economia del territorio e di far guadagnare opportunità di lavoro e di crescita alle nuove generazioni, che rischiano di abbandonare per sempre la Sicilia in cerca di lavoro.

Il Marchio d'Area proposto è una vera e propria linea guida per il potenziamento del sistema turistico locale, inteso come rete e non come singola proposta.

In particolare, un progetto fondato su un marchio di qualità che riassume tutte le caratterizzazioni del territorio con l'obiettivo di raggiungere e al tempo stesso esaltare il connubio tra risorse naturali, risorse culturali, prodotti eno-gastronomici e prodotti artigianali può costituire un importante prospettiva per la figura professionale di Perito Agrario alla quale gli allievi dell'indirizzo "Agraria, Agroalimentare, Agroindustria" possono puntare a conclusione del loro percorso di studio, dopo due anni di tirocinio ed il superamento dell'esame di abilitazione.

marchio area (7)Tale percorso infatti, grazie alle numerose competenze acquisite relative all'organizzazione ed alla gestione di processi produttivi e trasformativi, al marketing, alle valutazioni di convenienza economica ed al miglioramento di assetti territoriali rurali consente al Perito Agrario diversi sbocchi professionali tra i quali:

  1. Addetto al controllo della qualità dei prodotti
  2. Tecnico addetto alla progettazione , allestimento e manutenzione di spazi verdi pubblici e privati
  3. Tecnico addetto alla valutazione di impatto ambientale
  4. Tecnico ed esperto di negli studi di pianificazione urbana e territoriale
  5. Tecnico progettista di interventi di restauro ambientale e paesaggistico
  6. Direttore di parchi e di aree protette

"Get the Flash Player" "to see this gallery."